Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Microdialisi in terapia intensiva neurologica

La Microdialisi è uno strumento per il campionamento in vivo dei tessuti molli che sfrutta il principio della diffusione attraverso una membrana semi-permeabile. La tecnologia è minimamente invasiva, facile da usare, e può essere utilizzata in modo continuato per diversi giorni.

Il metodo si basa sull’inserimento di un catetere da Microdialisi nel tessuto da analizzare. La membrana del catetere è a diretto contatto con il tessuto molle.

Il catetere viene perfuso con una soluzione sterile isotonica mediante un piccolo infusore collegato al suo lume d’ingresso. Nel tessuto, le sostanze dal liquido interstiziale si diffondono attraverso la membrana da Microdialisi semi-permeabile nel liquido di perfusione. Quest’ultimo, ora divenuto dializzato, dal lume di uscita passa in una microprovetta di raccolta. Tali microprovette sono sostituite a intervalli regolari. Il dializzato raccolto si può analizzare sia immediatamente usando l’ISCUSflex Microdialysis Analyzer sia in seguito, in laboratorio, usando eventuali altre tecniche analitiche desiderate.

I valori dei metaboliti nel dializzato offrono un campione del metabolismo locale del tessuto. Questo si rivela particolarmente utile in terapia intensiva neurologica, poiché vi sono cambiamenti metabolici ben delineati che avvengono in concomitanza di eventi ischemici secondari nei casi di lesioni cerebrali traumatiche (TBI) ed emorragie subaracnoidee (SAH).

L’ischemia secondaria è una complicanza grave e frequente che influenza negativamente la prognosi del  paziente. Poiché la Microdialisi consente un monitoraggio continuo del metabolismo cerebrale in ambiente ospedaliero, l’ischemia secondaria può essere riconosciuta a uno stadio iniziale. Questa tecnica apre quindi un ventaglio di opportunità per gli interventi terapeutici.


                				                			

Leave a Comment

Mobile version: Enabled